• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

Medicina, nuove iniziative di Bruxelles

 

La Commissione UE per la sanità pubblica ha redatto all’unanimità una relazione sull’azione continentale contro il cancro.

 

di Gabriele Tribulato Ragusa

La commissione europea per la protezione dell’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare (ENVI), ha recentemente redatto all’unanimità una relazione sul cancro e sull’importanza dei fattori ambientali che contribuiscono all’insorgere della malattia. Un sempre maggior numero di scieziati credono che una politica ambientale adeguata possa arrestare alcuni tipi di tumori.

Il quadro generale attuale ci dice che un terzo della popolazione europea si ammalerà di cancro nel corso della propria vita, e che il tumore dei bambini è in aumento ogni anno dell’1%. Nel giugno dello scorso anno la Commissione europea ha pubblicato una comunicazione ufficiale contro il cancro ed ha accertato che le cause ambientali e professionali, vanno messe sullo stesso piano di stili di vita dannosi quali il fumo.

Oltre al fumo del tabacco e le sostanze chimiche presenti in ambienti esterni ed interni come i luoghi di lavoro, sono fattori ambientali dannosi i raggi UV e il radon, che si accumula nelle abitazioni e rappresenta una delle maggiori cause di tumore al polmone. Secondo la Commissione c’è bisogno di una maggiore ricerca e quindi risorse sui fattori ambientali, e, sulla prevenzione, fare una distinzione tra quella primaria e quella secondaria con programmi di screening.

La relazione è stata firmata da 22 organizzazioni che consigliano le misure necessarie e raccomandano meticolosità ai membri del Parlamento europeo. E’ certo che alle buone intenzioni devono seguire i fatti e un intervento coordinato di tutte le parti interessate, compresa quella del volontariato. Esistono vari gruppi di lavoro che stanno portando avanti vari progetti scientifici e di ricerca che andranno finanziati dalla UE.

L’unione continentale sta già finanziando gruppi di ricerca sul cancro e sui problemi ambientali, come l’ECNIS, che dal 2005 riunisce alcuni dei migliori gruppi di ricerca europei attivi nel settore ambientale del cancro e la sua modulazione mediante la nutrizione e il corredo genetico, il NEW GENERIS, che indaga sul ruolo dell’esposizione prenatale nelle prime fasi di vita, su prodotti chimici genotossici presenti negli alimenti e nell’ambiente, sullo sviluppo del cancro infantile e i disturbi del sistema immunitario.

Altri progetti sono il C.R.E.D.O e il CASCADE che riguardano i perturbatori endocrini, e L’Health & Environment Network Portal (HENVINET), per supportare la comunicazione tra scienza e politica. Nel prossimo anno saranno coinvolti maggiormente altre istituzioni oltre alla Comunità europea, su una strategia comunitaria sulle sostanze chimiche che causano il cancro o sono legate ad esso.

Verrà stilata una lista delle sostanze più pericolose, verrà rivista la normativa UE in materia di biocidi. La maggiore comunicazione e interazione tra la comunità scientifica e la politica comunitaria è fondamentale, al fine da orientare gli sforzi verso un interesse comune, per garantire risultati alla ricerca e una qualità della vita migliore.

Nulla di fatto sull’accordo USA – UE sulla riservatezza dei dati

 

Il Parlamento Europeo ieri ha rifiutato di approvare l’accordo previsto sul trasferimento dei dati bancari agli Stati Uniti, sottolineando problemi emersi in materia di reciprocità nella formulazione dell’accordo

Il testo firmato tra gli Usa ed i 27 stati membri della Ue riguardo ai dati bancari che erano stati oggetto di una divergenza tra Usa e Ue dopo l’istituzione di un centro di “stoccaggio” dei dati europei in Svizzera da parte della società SWIFT, non potrà entrare in vigore. Con l’operazione di trasferimento in Svizzera da parte della società SWIFT si era aperto il problema di una ridefinizione dei rapporti tra Usa e Ue nella gestione di questi dati dei cittadini europei, informazioni che precedentemente erano conservate anche negli Stati Uniti.

L’assemblea elettiva dei ventisette ha respinto ieri l’accordo, con 378 voti favorevoli, 196 contrari e 31 astenuti, invitando di conseguenza la Commissione ed il Consiglio della Unione Europea ad attivarsi su un nuovo testo, conforme alla Carta dei diritti fondamentali. Jeanine Hennis-Plasschaert (Liberali, Olanda) ha affermato che le norme sul trasferimento e sulla conservazione dei dati contenute nell’accordo non sono proporzionate rispetto all’obiettivo della loro raccolta.

La Commissione europea l’altroieri in una lettera al presidente del Parlamento Jerzy Buzek ha annunciato che, nelle prossime settimane, adotterà delle proposte per giungere ad un accordo a lungo termine. I deputati col voto di oggi hanno ribadito i princìpi enunciati nella risoluzione approvata il 17 settembre 2009. Il documento in questione, votato nel settembre 2009, chiedeva che si rispettassero pienamente i diritti dei cittadini dell’Unione Europea in materia di protezione dei dati personali, limitando la raccolta delle informazioni alle finalità di contrasto al terrorismo e compatibilmente con l’equilibrio tra sicurezza e libertà civili.

Aldo Ciummo

La politica estera indiana guarda ad Occidente

 

In previsione delle sfide che attendono i rapporti internazionali nel 2010 Asia e Occidente vedono intensificarsi i loro rapporti economici, sociali e politici. Al termine del 2009 l’India attraverso il suo Ministero degli Esteri ha espresso apprezzamento per le linee guida della politica statunitense e stilato una lista di priorità dal punto di vista del proprio paese.

Shashi Tharoor, Ministro degli Esteri per gli Affari Esteri dell’India, in dicembre ha sottolineato attraverso una intervista all’International Herald Tribune Magazine le priorità che il suo paese vorrebbe vedere in cima all’agenda dell’amministrazione statunitense, dato che quest’ultima ha una forte influenza sui processi di pace e di ricostruzione economica al centro nel panorama mondiale odierno.

Come la più estesa democrazia nell’Est del Mondo, l’India esorta gli Stati Uniti, tramite le dichiarazioni del Ministro degli Esteri, a rafforzare le relazioni con il Sud del Mondo, contando sulla storia anche personale del nuovo presidente Usa, cresciuto nel Pacifico.

Un’altra richiesta è l’accelerazione del processo di disarmo nucleare, ma con il presupposto che non ci siano stati intitolati ad un maggiore sviluppo in questo settore rispetto agli altri.

Tharoor ha parlato anche di soluzioni multilaterali ai problemi, considerando la natura sovranazionale delle questioni ambientali, sociali e di sicurezza che si trovano sul piatto.

Nel discorso del politico indiano c’è stato posto anche per la riforma delle istituzioni globali: i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza sono ancora quelli scelti in base ad una guerra di sessantacinque anni fa, è stata la considerazione più importante di Tharoor, mentre il Belgio ha, nella Banca Mondiale, un peso maggiore della Cina, sebbene si conosca il peso concreto assunto da Pechino.

L’intervento del Ministro dell’India quindi è stato anche un richiamo ad una iniziativa per organizzare gli strumenti che dovranno risolvere problemi sempre più stringenti e complessi nella consapevolezza della realtà attuale, che non si può più affrontare con un approccio unipolare, laddove invece i centri di influenza socioeconomica, tecnologica, politica, si sono moltiplicati e le questioni si sono internazionalizzate.

L’OPINONE|Intercettazioni si, Intercettazioni no: l’Italia non cambia mai

C’è una legge che forse ha fatto più danni alla mala vita organizzata di quanto qualsiasi altro strumento di controllo non sia riuscito a fare nella storia dell’umanità e questo strumento lo vogliono eliminare.

Vogliamo continuare a opporci a qualsiasi regola, legge, imposizione, a noi comminata da chissà quale ministro o deputato, tanto per gettare ulteriore benzina sul fuoco fomentato dai partiti del no, oppure vogliamo adeguarci a una sana legge, creata ad hoc per favorire la stragrande maggioranza dei politicanti italiani – in primis il capo dei capi di questi, Silvio Berluconi, che di leggi ad honorem ne ha piene le tasche – nascosti dietro l’ombra di un’Italia spiata, che ha dovuto rinunciare alla propria privacy, dell’Italia delle centinaia di milioni di telefonate captate e origliate ai nostri danni?

Il problema, di poco conto fino a pochi giorni fa, sta facendo ora bagarre in Parlamento, con il Guardasigilli Angelino Alfano che dati alla mano ha esposto ai suoi colleghi deputati il grosso problema. Un dilemma che rischia di invischiare il nostro bel paese in un’ulteriore impasse, ideologico prima che burocratico: meglio spiati o meglio di no? Certo che, posta così la domanda favorisce un solo risultato. Chi di noi vorrebbe che qualcuno della Digos venga a sapere che i nostri “cd” non producono musica ma sballo? E chi sarebbe contento di sapere che qualcuno potrebbe stare con l’orecchio piantato dall’altra parte della cornetta ad ascoltare le “manfrine” con le nostre amanti?

Continua a leggere

CRONACA|Tornano le ronde padane

Padova diventa città di intolleranza e di protesta

di Simone Di Stefano

I cittadini di Padova hanno deciso di fare sul serio. Da giovedì un gruppo di volontari, i Com.Res. (Commercianti e Residenti), scenderà per le piazze e le vie della città di Sant’Antonio per sgominare le bande di violenti, stupratori e poco di buono che rompono la tranquillità della ridente cittadina padana.

In verità già da tempo gruppi di volontari andava girando per le strade di alcune grandi città del nord Italia. Oltre a Padova anche a Verona e Torino. La differenza tra le vecchie “ronde verdi” e quelle che faranno il loro esordio in questi giorni a Padova risiede nel fatto che prima i volontari, tra cui anche carabinieri e poliziotti in abiti civili, giocavano a guardie e ladri col fischietto alla bocca e la radiolina in mano pronti a chiedere aiuto alle forze dell’ordine. Oggi invece seguendo alla lettera l’articolo 380 del codice di giustizia penale che consente a chiunque di compiere un arresto, i “rondisti” potranno anche adottare le maniere forti e bloccare da subito i malviventi che vengono colti in flagranza e con il corpo del reato in loro possesso.

Continua a leggere