• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

  • Annunci

L’Amsi a Roma: “integrazione anche nella sanità”

 

All’inizio di maggio a l’Associazione dei Medici Stranieri in Italia ha rilanciato la propria azione.

 Il 4 maggio a Roma l’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri della provincia ha patrocinato la conferenza dedicata all’argomento “Integrazione e Prevenzione: la donazione di sangue”, con l’organizzazione dell’Avis Comunale di Roma.

L’evento è stato promosso con la collaborazione della Commissione Affari Esteri e Medicina Internazionale dell’Ordine dei Medici di Roma e Provincia. La conoscenza di tutti gli aspetti della donazione del sangue tra medici, operatori sanitari, popolazione ed associazioni degli stranieri residenti è alla base del miglioramento del settore sanitario.

La giornataè stata moderata da Baleanu e da Sabri (AMSI). Il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma e provincia, Mario Falconi, ha sottolineato il ruolo dei medici in un sistema sanitario che abbia al centro i cittadini e affermato che occore una informazione più capillare sulla donazione. Il presidente dell’Avis comunale di Roma, Raniero Ranieri ha detto che i medici stranieri in Italia sono stati molto attivi nella diffusione della donazione.

Foad Aodi, come presidente dell’Amsi e coordinatore della commissione sanità mediterranea (Co-mai) e della Commissione Affari Esteri e Medicina Internazionale dell’Ordine dei Medici di Roma ha descritto i risultati della collaborazione tra medici di diversa nazionalità e lanciato un appello alle diverse comunità per un impegno ancora maggiore.

Aldo Ciummo

Annunci

Anno di cultura a Copenaghen

 

Il 2010 si è aperto con un programma fitto di eventi dedicati allo spettacolo ed alle arti nella capitale danese, ancora molte interessanti iniziative sono previste per aprile e per maggio

La Danimarca ha aperto il 2010 con un ricco programma di avvenimenti rivolti ai visitatori, ma soprattutto ai cittadini europei ed alla popolazione residente: dal 15 al 25 aprile ci sarà il Copenaghen’s new Film Festival, nell’ambito del quale verranno proiettate pellicole inedite in Danimarca e provenienti da Asia, Sudamerica, Europa e Medio Oriente e con equilibrio tra esordienti e presenze prestigiose.

Da considerare iniziativa culturale, nel senso più ampio del termine nel senso di cultura materiale visto il ruolo che occupa nel paese, è anche il Festival Europeo della Birra, che ci sarà il 6, 7, 8 maggio, la produzione danese è variegata e la manifestazione comprenderà 1000 tipi di birre provenienti da 200 stabilimenti in Europa, Usa e Canada.

Anche artigianato e design troveranno posto all’inizio di maggio, dal 6 al 9, una trentina di istituzioni culturali, aziende ed organizzazioni porteranno a conoscenza del pubblico vari aspetti dell’architettura odierna a Copenaghen.

Sempre a maggio, dal 21 al 23, avrà luogo il Carnevale di Copenaghen, tre giorni di musica, spettacoli ed eventi. L’iniziativa sarà accompagnata da quattro serie di concerti. Il momento centrale della festa sarà la parata notturna al parco Faelledparken.

SPORT|Uefa, passano tutte le italiane. Al ritorno rischia solo il Napoli

Buona la prima. In Coppa Uefa italiane a bottino pieno nelle gare di andata. Napoli show al San Paolo, Pato illumina San Siro e l’Udinese sbanca Dortmund. La Samp passeggia sui lituani

di Simone Di Stefano

Il primo turno di Coppa Uefa si è rivelato propizio per le squadre italiane, tutte vincenti nelle gare di andata. Il Napoli ha dimostrato compattezza vincendo per 3-2 contro il Benfica di David Suazo, mentre senza troppi problemi il Milan è uscito dall’impasse che lo vedeva ancora a secco di vittorie, superando a San Siro per 3-1 gli svizzeri dello Zurigo. E allo stadio Marassi di Genova la Sampdoria ne ha rifilati cinque ai modesti lituani del Kaunas, mettendo più di un’ipoteca al passaggio del turno.

L’unica squadra italiana a giocare lontano dalle mura amiche è stata invece l’Udinese, ma il risultato non cambia perché i friulani allenati da Marino si sono imposti per 2-0 sul difficile campo del Borussia Dortmund, lo stesso Westfalen Stadion che due anni fa vide trionfare l’Italia di Lippi nella semifinale mondiale vinta contro i padroni di casa della Germania.Bottino pieno quindi, con tre squadre su quattro (Milan, Sampdoria e Udinese) già con la testa al sette ottobre, quando ci sarà il sorteggio per la fase a gironi, e il Napoli chiamato a difendere il vantaggio meritatamente conseguito sul campo. Ma andiamo per ordine.

Continua a leggere