• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

Sweden, main character at the Festival of Literature in Bologna

Many authors represented by publishers and the Swedish Institute, the Swedish Arts Council and the Swedish Institute for Children’s Book will be present at the event on the agenda at the end of March

The Festival of Literature in Bologna approaches in the debate on children’s literature, in the middle of an interesting season for the Swedish culture,  with Daniel Gustafsson Pech (The Swedish Institute), Susanne Bergstrom Larsson (The Swedish Arts Council) Asa Warnquist (Swedish Institute for Children’s Book) and the major publishing houses interested in the field represented by Annakaisa Danielsson (Alfabeta publishers/Agency), Lena Stjernström (Grand Agency), Kerstin Öberg (Rabén & Sjogren/Agency), Katharina Lantz (Natur & Kultur/Agency), Jeanna Eklund (Bonnier Carlsen / Agency), Marie Tomicic (Olika Publishers) which have already taken part in Rome to some appointments. After the presentation, which was held in Rome at the end of 2012, there will be in Bologna on the 25th March a huge presence of the Swedish publishing houses, with a large number of Swedish authors and initiatives organised by the Nordic country.

Sweden is in fact the guest of honor. On the occasion of the initiatives that were previously held in Rome, Eva Ottosson, project manager, presented the strengths of the Swedish literature in this area, while Susanne Bergström larrsson, the Swedish Arts Council and Pech Daniel Gustafsson (Swedish Institute) presented supports to the publication of Swedish literature in Italy. In the implementation of this project for the event 2013 in Bologna cooperate among the other the Swedish Institute, the Swedish Film Institute, Hamelin, Sala Borsa, START, Teater Testoni with projections and workshops.

Among the authors, Stefan Casta, Petrus Dahlin and Lars Johansson, Olof and Lena Landstrom, Pija Lindenbaum, Sara Lundberg and Ulf Stark, Frida Nilsson, Henrik Tamm, Anna-Clara Tidholm. They will also discuss the award “Astrid Lindgren Memorial Award” (Alma) in its tenth anniversary. The director of the award, Helen Sigeland, will present the international prize of literature for young people. For the year 2013 there will be two hundred and seven candidates coming from sixty-seven countries and the winner will be announced on the 26th March in Vimmerby, the birthplace of Astrid Lindgren. Asa Warnquist reported that “the number and the titles of the books are: Rabén & Sjogren, Egmont, Bonnier Carlsen, B/Wahlstroms.

In recent years, a significant phenomenon in the field has been and is the one of young female authors who write stories about fantasy worlds; then there is a literature for young people that explores the urban environment as an unknown universe. Other editorial experiments encourage readers accustomed to new technologies and investigate on alternative lifestyles. A clear trend is that of strong female characters, transformed into characters from the world of magic. Jeanna Eklund of the Bonnier Group recalled titles like “The Lasse Maja & Detective Agency,” written by Martin Widmark and illustrated by Helena Wills. The Swedish Arts Council (Kulturradet) is the government authority that supports, among other initiatives, the Swedish culture in the world, translating into any language works written in Sweden. The Swedish Institute cooperates with other institutions that represent Sweden abroad and universities.

Aldo Ciummo

Anne Jensen (Denmark): EU has to promote economic recovery

The European Parliament, with its guidelines for the budget in 2014, intends to ask to all the European institutions a budget capable of fighting the crisis and stimulate the employment in the EU

During the plenary session of last week (voting session of Wednesday, March 13, 2013) the European Parliament approved in the guidelines for the 2014 budget the proposals of Anne Jensen (“Venstre”, Liberal Party of Denmark). Year 2014 opens the Multiannual Financial Framework, the result of which will be closely linked to the negotiations between the European Parliament and the EU Council for the period 2014-2020.

The definition of the budget for 2014 will depend very much on the correct execution of the budget for 2013: in this regard Anne Jensen expressed concern for the insufficient level of payments in the current year (as well as the delays of payment regarding 2012). The intervention of the Danish MEP is part of the orientation of the political group to which she belongs, the “Alliance of Liberals and Democrats for Europe” (“Alde”).

Anne Jensen said that, although it is unusual to speak about the budget in 2014 while it is still unknown what will happen to the budget of 2013, nor what the outcome of the difficult negotiations between the European Parliament and the Council of Ministers of the European Union on the Multiannual Financial Framework (MFF) will be, it is important to set iis guidelines, as also required by the budgetary procedure.

Policies with respect to the 2014 budget, said Jensen, fall into three categories: consolidating the legal basis of common policies to ensure financing the payment appropriations (underfunded because of the budget deficit in 2014 to be launched) in any scenario; ensure that savings are an end in themselves and ensure that growth and employment are promoted.

Anne Jensen stressed that European citizens require European institutions which are active in supporting the efforts to overcome the economic crisis, suggesting therefore that the budget will be aimed primarily at increasing the efficiency of infrastructure, transportation and research, and ensures the presence of a social orientation of European policies, reducing youth unemployment and strengthening education and training.

Aldo Ciummo

La sinistra europea: garantire diritti e democrazia di fronte alla crisi economica

Gauche Unitaire Européenne/Nordic Green Left, il raggruppamento di sinistra al Parlamento Europeo, ha promosso una risoluzione in favore di meccanismi di compensazione sociale

La crisi economica affrontata con il metodo a senso unico del rigore, solitamente tradotto in tagli al welfare, non consente percorsi di ripresa né economica né civile perché colpisce il già carente modello europeo perpetuando l’illusione, che è stata all’origine della crisi, di una autoregolamentazione del mercato che costruisce la crescita nel deserto dei diritti sociali. Il gruppo GUE/NGL al Parlamento Europeo è stato tra i promotori di una risoluzione finalizzata a ridurre l’impatto della recessione in atto sui soggetti più deboli ed a evitare che le diseguaglianze siano inasprite.

Sul mercato del lavoro, in numerosi settori, persiste il divario di retribuzione a sfavore delle donne e la congiuntura economica rischia di aggravare questo tipo di anomalie. Il 12 marzo il Parlamento Europeo a Strasburgo ha approvato con 495 voti favorevoli, 96 contrari e 69 astensioni una risoluzione sull’impatto della crisi sulla parità di genere. “Le retribuzioni inferiori aumentano il rischio per le donne di cadere in povertà, in particolare per le donne anziane anche a causa delle pensioni basse” ha dichiarato la relatrice Katrika Tamara Liotard (GUE/NGL, Olanda).

Il Parlamento Europeo ha invitato la Commissione e gli Stati componenti la Ue ad utilizzare, per evitare queste distorsioni, i programmi comunitari come il Fondo Sociale Europeo. Una delle soluzioni a lungo termine indicata nel documento approvato è l’intervento in materia di istruzione e nella comunicazione per limitare gli stereotipi di genere, dato che questi influiscono sulle dinamiche professionali. Una risoluzione apposita è stata approvata con 368 voti favorevoli, 159 contrari e 98 astensioni.

Aldo Ciummo

Intervento della UE per l’industria nel centro Italia

Il FEG ha stanziato i fondi destinati al reinserimento dei più di millecinquecento lavoratori della Merloni, azienda che ha chiuso i battenti

Le risorse stanziate dal Fondo Europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG) della UE ammontano a più di cinque milioni, il fine degli aiuti è inserire in nuovi posti di lavoro i 1517 lavoratori che sono stati licenziati contestualmente alla chiusura della Antonio Merloni SpA (Italia). La decisione è stata presa ieri dalla commissione europea per i bilanci.

La Merloni era il quinto produttore di elettrodomestici nella UE e ciò non può che far riflettere sull’inadeguatezza degli attuali strumenti di contrasto alla crisi economica, basati nella migliore delle ipotesi su una riduzione dei danni derivanti non tanto dalla delocalizzazione quanto dalla perdita di centralità di comparti chiave del settore industriale nei paesi occidentali, in molti casi dovuta al crollo dei consumi negli stessi paesi.

Le provincie di Ancona (Marche) e Perugia (Umbria) hanno sperimentato sulla propria pelle gli effetti congiunti di crisi economica globale e inasprimento delle condizioni di accesso al credito e l’aiuto del FEG sarà destinato all’orientamento professionale, all’assistenza alla ricerca della nuova occupazione, oltre che a varie misure di indirizzo e di sostegno, inclusi ulteriori aiuti per i lavoratori oltre i cinquanta anni e il supporto a spese di pendolarismo e di trasloco. Già menzionare queste misure fornisce una idea del travaglio che lavoratori specializzati privi della loro abituale attività andranno ad affrontare. L’Unione Europea ha evidentemente bisogno di dotarsi, accanto ai necessari strumenti di emergenza, di politiche di crescita e di promozione dei suoi settori di eccellenza.

L’Italia ha presentato la richiesta dei fondi citati già nel dicembre 2011, la valutazione della Commissione Europea è stata possibile nel febbraio 2013, quando tutte le informazioni sono risultate disponibili. La procedura comunque è stata più lunga del necessario secondo la stessa commissione bilanci.

Il FEG è un fondo che sostiene quei lavoratori che sono stati colpiti dai cambiamenti strutturali nei flussi commerciali mondiali. Per rendere definitiva la decisione in aiuto di questi lavoratori del centro Italia però (adottata dalla commissione con trenta voti a favore, due contrari ed un astenuto) sarà necessario che la sessione plenaria del prossimo 16 aprile confermi tale disposizione con il voto.

Aldo Ciummo

Anne Jensen (Danimarca): la UE promuova la ripresa economica

Il Parlamento Europeo, con le sue linee guida per il bilancio del 2014, intende chiedere a tutte le istituzioni europee un bilancio che combatta la crisi e stimoli l’occupazione nella UE

Durante la sessione plenaria della scorsa settimana (votazione di mercoledì 13 marzo 2013) il Parlamento Europeo ha approvato, nelle linee guida per il bilancio del 2014, le proposte di Anne Jensen (“Venstre”, Liberal Party of Denmark). Il 2014 apre il quadro finanziario multiannuale, il cui risultato sarà strettamente collegato ai negoziati tra Parlamento Europeo e Consiglio della UE in merito al periodo 2014-2020.

La definizione del bilancio del 2014 dipenderà molto dall’esecuzione corretta del bilancio del 2013: a questo proposito Anne Jensen ha espresso preoccupazioni sull’insufficiente livello dei pagamenti per l’anno corrente (oltre che per i ritardi nei pagamenti del 2012). L’intervento della deputata danese si inscrive nell’orientamento del gruppo di cui fa parte, lo “Alliance of Liberals and Democrats for Europe” (“Alde”).

Anne Jensen ha dichiarato che, anche se è singolare parlare del bilancio del 2014 mentre ancora non si conosce cosa accadrà riguardo al bilancio del 2013 nè quale sarà l’esito dei difficili negoziati tra il Parlamento Europeo ed il Consiglio dei Ministri della Unione Europea sul Multiannual Financial Framework (MFF), è importante fissare le linee guida, come peraltro previsto dalla procedura di bilancio.

Le politiche del 2014 riguardo al bilancio, ha riferito Jensen, ricadono in tre categorie: consolidamento della base legale di politiche comuni per assicurare il finanziamento in qualsiasi scenario; gli stanziamenti di pagamento (sottofinanziati a causa del bilancio 2014 avviato a essere in deficit); evitare che il risparmio sia fine a sè stesso e assicurare che crescita ed occupazione siano promossi.

Anne Jensen ha sottolineato che i cittadini europei richiedono istituzioni europee attive nel sostegno allo sforzo di superare la crisi economica, proponendo di conseguenza che il bilancio miri innanzitutto ad accrescere l’efficienza di infrastrutture, trasporti, ricerca e assicuri la presenza di un orientamento sociale delle politiche europee, riducendo la disoccupazione giovanile e potenziando istruzione e formazione.

Aldo Ciummo

Eventi nordeuropei a Roma ed a Bologna

Una iniziativa sulla letteratura finlandese si è svolta a Roma la settimana scorsa, il consolato Svedese a Bologna apre la settimana prossima
Lo scorso giovedì 28 febbraio si è svolto un incontro sulla cultura finlandese, presso la Sala della Crociera del Ministero dei Beni e delle attività culturali: tema principale dell’incontro è stato il vasto repertorio leggendario raccolto da Elias Lönnrot nel Kalevala, opera mitica finlandese ritessuta dal grande scrittore in forma scritta in una prima versione nel 1835 ed in una più completa nel 1849.
Il 28 febbraio è l’anniversario della pubblicazione della prima stesura di quello che giustamente è visto come una testimonianza storica dei secoli che hanno visto insediarsi le attuali popolazioni nelle regioni attorno al Baltico ed ancora più a nord. La Biblioteca di Archeologia e Storia dell’Arte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha anche ospitato la mostra dedicata all’opera.
Nella stessa giornata è stata presentata l’associazione CultFinlandia che unisce per la prima volta le diverse attività associative promosse in varie città. Venerdì 8 marzo invece a Bologna è prevista l’inaugurazione del Consolato Onorario di Svezia, che si occuperà dell’Emilia Romagna. Gianni Baravelli ricoprirà l’incarico di Console onorario anche per la Norvegia, per l’area di Emilia Romagna e Marche.
In Emilia Romagna lavorano molte aziende svedesi e vi opera lo Swedish Emilia Romagna Network ed altre importanti associazioni. Nel 2013 la cultura svedese a Bologna sarà anche al centro della Fiera del Libro e Lena Adelsohn Liljeroth, Ministro della Cultura, presenterà gli eventi culturali nella regione. Presso Via Indipendenza a Bologna si svolgerà anche una esposizione dal 22 al 27 marzo.
Aldo Ciummo