• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

Nella “Kalle Tihveräinen”

 

di   Aldo Ciummo

La Finlandia centrorientale è un polmone d’acqua dove scorre da secoli anche tutta la storia delle popolazioni locali: migliaia di laghi travasano uno nell’altro correnti e animali, storie e barche, indispensabili da sempre in una regione dove i traffici avvengono per necessità attraverso la navigazione. Accanto alla diffusione di internet a banda larga più capillare d’Europa, sopravvivono qui le bellissime e suggestive tradizioni del Juhannus, il giorno più lungo dell’anno, quando le comunità si ritrovano su isole e isolotti per accendere enormi fuochi. Qui, a fianco dei più moderni natanti, viaggiano le piccole navi a vapore che cento anni fa collegavano San Pietroburgo a Savonlinna attraverso i canali.

Incontriamo la “Kalle Tihveräinen”, sfuggita quasi mezzo secolo fa alla demolizione, grazie ad un pugno di appassionati che hanno ricominciato a navigare in compagnia di poche altre imbarcazioni del genere: nei decenni si sono trascinate dietro decine di altre navi a vapore, coinvolte in una regata nata per riportare in vita le tradizioni dei laghi e che oggi riempie di festa il lago Saimaa pochi giorni dopo il Solstizio d’Estate. Di nuovo come decenni fa, i tronchi vengono trainati nel lago e dai moli finiscono dentro le caldaie per far fischiare le navi.

Conoscendo questa nave a vapore (una höyrylaiva, come si chiama in finlandese) incontriamo anche tanti altri volti: un’isola minuscola che ospita una scuola dove l’associazione dei navigatori insegna ai bambini come si viveva sul lago, il ricordo di un marinaio del lago conservato dalla “sua metà” della barca, ovvero da una fondazione che porta il suo nome e che lavora assieme all’attuale capitano della “Kalle Tihveräinen”, suo amico che la acquistò e rimise assieme con lui. Un lago fatto anche di migliaia di isole e di imbarcazioni diverse, di case estive nel bosco. Un paese disperso da canali che poi lo riuniscono in mezzo alla musica e ai brindisi in giorni come il Juhannus e come la regata di cui raccontiamo la storia e i nomi.

 

LA STORIA E LE IMMAGINI DELLA “Kalle Tihveräinen” IL MESE PROSSIMO ON LINE IN NORDEUROPANEWS

Annunci