• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

On the “Kalle Tihveräinen”

 

di   Aldo Ciummo

The Eastern Central Finland is a lung water where the entire history of local population flows from centuries. Thousands of lakes pour into one other streams, animals, stories and boats, always essential in a region where trades are done necessarily through navigation. Here survive, alongside the spread of broadband internet (the largest in Europe) wonderful and suggestive Juhannus traditions (the longest day of the year), when communities meet on islands and islets to the light of huge fires. Here, alongside more modern vessels, cruise small steamships that hundreds years ago joined Saint Petesburg to Savonlinna through water channels.

We meet the “Kalle Tihveräinen”, almost half a century ago escaped from a demolition, thanks to a handful of fans who have begun to travel together a few other boats like this: in the decades have dragged behind dozens of other steamships, involved in a race created to revive the traditions of lakes and that now fills the Saimaa lake of a jamboree, few days after the Summer Solstice. Again like decades ago, logs are hauled in the lake and from plers they end into the bollers to whistling vessels.

Knowing this steamship (a höyrylaiva, as is called in Finnish) also we meet many other faces, a tiny island that houses a school where an association of yachtmen teachs children how people lived on the lake, the memory of a sailor maintained by the Lake “his half” of the boat, to be more precise by a foundation that bears his name and works together with the current captain of the “Kalle Tihveräinen,” his friend who bought it and pieced together with him. A lake also made up of thousands of islands and different boats, summer homes in the woods. A country dispersed and joined by channels then meet in the middle of the music and toast in the day like Juhannus and like the race boat of which we tell the history and names.

 

READ MORE AND HAVE A LOOK TO THE PICTURES ON LINE ABOUT THE “KALLE THIVERAINEN” HISTORY NEXT MONTH ( NORDEUROPANEWS )

Nella “Kalle Tihveräinen”

 

di   Aldo Ciummo

La Finlandia centrorientale è un polmone d’acqua dove scorre da secoli anche tutta la storia delle popolazioni locali: migliaia di laghi travasano uno nell’altro correnti e animali, storie e barche, indispensabili da sempre in una regione dove i traffici avvengono per necessità attraverso la navigazione. Accanto alla diffusione di internet a banda larga più capillare d’Europa, sopravvivono qui le bellissime e suggestive tradizioni del Juhannus, il giorno più lungo dell’anno, quando le comunità si ritrovano su isole e isolotti per accendere enormi fuochi. Qui, a fianco dei più moderni natanti, viaggiano le piccole navi a vapore che cento anni fa collegavano San Pietroburgo a Savonlinna attraverso i canali.

Incontriamo la “Kalle Tihveräinen”, sfuggita quasi mezzo secolo fa alla demolizione, grazie ad un pugno di appassionati che hanno ricominciato a navigare in compagnia di poche altre imbarcazioni del genere: nei decenni si sono trascinate dietro decine di altre navi a vapore, coinvolte in una regata nata per riportare in vita le tradizioni dei laghi e che oggi riempie di festa il lago Saimaa pochi giorni dopo il Solstizio d’Estate. Di nuovo come decenni fa, i tronchi vengono trainati nel lago e dai moli finiscono dentro le caldaie per far fischiare le navi.

Conoscendo questa nave a vapore (una höyrylaiva, come si chiama in finlandese) incontriamo anche tanti altri volti: un’isola minuscola che ospita una scuola dove l’associazione dei navigatori insegna ai bambini come si viveva sul lago, il ricordo di un marinaio del lago conservato dalla “sua metà” della barca, ovvero da una fondazione che porta il suo nome e che lavora assieme all’attuale capitano della “Kalle Tihveräinen”, suo amico che la acquistò e rimise assieme con lui. Un lago fatto anche di migliaia di isole e di imbarcazioni diverse, di case estive nel bosco. Un paese disperso da canali che poi lo riuniscono in mezzo alla musica e ai brindisi in giorni come il Juhannus e come la regata di cui raccontiamo la storia e i nomi.

 

LA STORIA E LE IMMAGINI DELLA “Kalle Tihveräinen” IL MESE PROSSIMO ON LINE IN NORDEUROPANEWS