• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

SPORT|Spalletti contro Della Valle: «Ci avevano detto che Mutu era trattabile»

CALCIOMERCATO La Fiorentina toglie il rumeno dal mercato. L’allenatore non ci sta: «Rispettate le loro condizioni, poi hanno cambiato idea». Adesso la Roma sullo spagnolo Silva, il miglior esterno dell’Europeo

Adrian Mutu sembra chiedere il silenzio attorno a se

Adrian Mutu non si muove da Firenze. Si attendeva che a pronunciarsi fosse il presidente della Fiorentina, Andrea Della Valle. E la parola fine sul caso Mutu è arrivata ieri alla conferenza stampa del patron viola. «Il caso è chiuso – ha detto Della Valle – Adrian resta a Firenze, sono bastati cinque minuti di colloquio, lui ha capito l’importanza del nostro progetto e ha ribadito il suo attaccamento alla maglia». E il rinnovo del contratto? «Ci penserà lunedì Corvino».

La Roma resta sempre alla finestra. Da riparare in casa viola, invece, lo “strappo” tra i vertici della Fiorentina e il Ds, Pantaleo Corvino. Perché, se per i Della Valle Mutu è sempre stato incedibile, Corvino avrebbe volentieri incassato i diciannove milioni offerti dai giallorossi. «Il suo compito come direttore sportivo è quello di ascoltare le varie offerte – ha precisato Andrea Della Valle – Ha fatto un lavoro egregio. Non c’è stata nessuna trattativa con la Roma, abbiamo ascoltato l’offerta e poi abbiamo preso una decisione».

E se a Firenze si festeggia per lo sventato addio del fuoriclasse romeno, da Trigoria Luciano Spalletti riconosce che «è finita», con tanto di frecciatina ai dirigenti viola: «C’era stato detto che era possibile prendere Mutu a determinate condizioni, che noi abbiamo soddisfatto fino in fondo. Non è colpa della Roma quindi se il giocatore non è arrivato». Sfumata la sua prima scelta, il tecnico di Certaldo, ha negato un suo interesse sul brasiliano Julio Baptista: «È un ottimo calciatore, ma a centrocampo stiamo bene così. Ci serve uno dalle caratteristiche del romeno». Quelle che possiede ad esempio David Silva, 22 anni, attaccante del Valencia, che a Spalletti piace molto. Tanto quanto è difficile portarlo via dalla Spagna. C’è la forte concorrenza dell’Atletico Madrid, che avrebbe offerto al Valencia 22 milioni di euro. A queste cifre i giallorossi volerebbero verso altri lidi.

Per la Roma, che ieri ha ceduto in prestito all’Atalanta l’esterno Alessio Cerci, ci sono i soliti nomi: Malouda, Podolski, Pavlyuchenko, Iaquinta. Su quest’ultimo pesa però il veto di Ranieri. Più possibile uno scambio con Aquilani (24 anni), in caso non dovesse arrivare l’accordo tra il centrocampista e la Roma sul rinnovo di contratto. Su di lui c’è anche l’Inter, che potrebbe offrire in cambio Suazo e Crespo, o Adriano. Intanto, appurata l’impossibilità di arrivare a Lampard, il rinforzo per il centrocampo di Mourinho è Muntari (23 anni), preso dal Portsmouth per 15 milioni e ieri a Milano per firmare un contratto di cinque anni.

Le altre operazioni della giornata. Il Napoli ha preso in prestito, con diritto di riscatto, l’esterno Andrea Russotto, dalla squadra svizzera del Bellinzona. Partenopei sempre in agguato sull’esterno della Fiorentina, Pasqual. L’ultima offerta di Pierpaolo Marino è di 5,8 milioni di euro. La Lazio è sempre vicinissima al romeno Moti, per rimpiazzare Stendardo in procinto di passare al Bologna. Beppe Marotta ha fatto sapere che la Sampdoria ritiene incedibile il difensore Hugo Campagnaro,Infine, ufficializzato il passaggio di Alessandro Lucarelli dal Genoa al Parma, dove ritroverà il fratello Cristiano.

Simone Di Stefano – Pubblicato su L’Unità del 26-07-2008

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: