• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

SPORT|Motomondiale Usa, grande Rossi vince davanti a Stoner

GRAN PREMIO Valentino straccia Casey a Laguna Seca: Stoner su Ducati arriva secondo nonostante una caduta

Fin dal momento in cui aveva rinnovato il contratto, la storia americana di Valentino Rossi non poteva non avere un lieto fine come quello che si è concretizzato ieri nella fresca mattinata californiana di Laguna Seca. Più che una storia è stata una vera e propria lezione. Di motociclismo e di autocontrollo. Sempre in testa e sempre con la guardia alta a tarpare la via di fuga a Stoner, partito come favorito e sovrastato dal suo stesso irruento carattere. Puerile l’atteggiamento del ragazzo in alcuni momenti della gara. Come quello decisivo. Moto a terra e Rossi che se ne va, con in tasca punti preziosi per il titolo mondiale.

In attesa dell’inno di Mameli che avrebbe suonato un’ora dopo con Valentino sul gradino più alto, ad aprire le danze è il pur sempre rispettabile “Star Spangled Banner”. Non appena i semafori si tingono di verde, la conca della Laguna vede subito in testa il tandem Stoner-Rossi e Hayden poco dietro. Spettacolare la partenza di Dovizioso, che partiva nono e al primo giro è già quarto, inserendosi nella bagarre tra Hayden e Vermeulen. All’esordio in questa pista il pilota della Honda non è rimasto impressionato: «Ho il vizio di imparare subito le piste», dirà al termine di una gara che lo vedrà confermare il quarto posto, davanti a Hayden.

Ma nella conca californiana ieri sono soprattutto Rossi e Stoner, che riescono a infuocare il pubblico, ancor più della piroetta che fa perdere a Lorenzo le velleità di finire il gp: frattura al piede sinistro, che per fortuna non gli impedirà di essere a Brno il 17 agosto. Mentre lo spagnolo si lecca le ferite, Rossi scavalca Stoner dando vita fin dall’avvio a un duello fatto di sorpassi, che trova il suo epilogo soltanto a nove giri dal termine. L’australiano esce di pista e nonostante rimette la sua Desmosedici sul tracciato in tempo per non perdere la seconda posizione, il distacco dal primo è ormai troppo consistente. Un duello che fino a quel punto aveva avuto dell’incredibile.

Respirano gli scarichi della M1 e il vantaggio regalato dall’australiano. Ha pagato la tattica di Valentino che conoscendo le doti del campione del mondo ha tenuto alta la tensione fino a indurlo all’errore. Troppo irruento il pilota Ducati che aveva già esagerato in altre circostanze e alla fine si è trovato a sbagliare, per non impattare sulla moto bianca e blu di Rossi.  «Mi sono divertito tantissimo oggi- ha dichiarato Valentino a fine gara – Finalmente ho imparato la Cavatappi. Era da tempo che non si vedevano sorpassi così, bella, bella».

Meno entusiasta il campione della Ducati, che ha accusato Rossi di aver esagerato in alcuni sorpassi: «Ho commesso molti errori, nonostante avessimo avuto una moto in buone condizioni». La vittoria di ieri permette a Valentino di andare al riposo delle vacanze, prima del gp di Repubblica Ceca, a Brno, con un consistente bottino in chiave mondiale. Il dottore infatti allunga a 25 punti di vantaggio sul secondo in classifica, che non è più Dani Pedrosa che ha dovuto abdicare prima della gara a causa del solito dolore alla mano seguito all’incidente di Sachsenring.

Simone Di Stefano – Pubblicato su L’Unità del 21-07-2008

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: