• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

  • Annunci

EVENTI|Tribunale Permanente dei Popoli, al via l’udienza deliberante di Bogotà

L’udienza sarà preceduta dalla sua quinta fase istruttoria relativa allo sterminio storico delle popolazioni indigene colombiane

A due anni dall’indagine sull’intervento delle imprese transnazionali nei diversi campi di estrazione delle risorse naturali dello Stato colombiano e sugli impatti che tali attività hanno sui diritti dei popoli in Colombia, il Tribunale Permanente dei Popoli (TPP), tribunale di opinione della Fondazione Basso – Sezione internazionale, realizzerà l’udienza deliberante dal 21 al 23 luglio 2008 nella città di Bogotà.

L’udienza sarà preceduta dalla sua quinta fase istruttoria relativa allo sterminio storico delle popolazioni indigene colombiane e si realizzerà presso il territorio protetto degli indigeni Kankuamo, in Sierra Nevada de Santa Marta.

Nel corso dell’udienza saranno chiamate a giudizio numerose imprese transnazionali e i loro Paesi di appartenenza, gli organi di governo dello Stato colombiano e gli organismi finanziari internazionali per determinarne le responsabilità nei casi di violazioni del diritto alla vita, alla dignità e alla salute; del diritto all’autodeterminazione culturale, economica, politica e sociale; del diritto alla sovranità e alla sicurezza alimentare; del diritto alla terra; del diritto a un ambiente sano; del diritto all’accesso ai servizi essenziali; del diritto dei popoli indigeni e dei lavoratori.

Continua a leggere

Annunci

LE INTERVISTE|«Sponsor e riciclaggio? Una piaga dello sport moderno»

Dopo il caso Dovizioso parla Cino Marchese, ex manager Img: «Persone senza scrupoli e campioni distratti»

Il caso Del Turco scuote anche il mondo dello sport. Nel fascicolo del procuratore Trifuoggi anche il nome del motociclista Andrea Dovizioso (MotoGp), la cui sponsorizzazione è finita sotto la lente del magistrato per l’ipotesi di riciclaggio. Si parla di circa 21 milioni di euro versati al pilota della Honda. Un episodio che non è nuovo al mondo dello sport. La pensa così Cino Marchese che bene conosce lo sport anche negli aspetti economici e finanziari, da ex manager per la società Img.

Ha saputo del caso Dovizioso?

«Mi dispiace perché conosco il suo manager e so che è una brava persona, ma casi del genere nel mondo dei motori non mi sorprendono».

Ne ricorda di analoghi avvenuti in passato?

«Certe “sponsorizzazioni” avvengono da tempo. Una volta si gonfiavano i fatturati per detrarre dalle tasse e dall’incidenza fiscale, ora si ricorre al riciclaggio».

E negli altri sport funziona alla stessa maniera?

«Potrei farle tanti esempi, dallo sci alla motonautica. Queste attività sono frutto di manager senza scrupoli che mirano al bersaglio grosso. Spesso le strutture sportive fingono di non vedere.

Come si può far fronte a questa piaga?

Continua a leggere