• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

ROMA|Tor Pagnotta, il Campidoglio blocca la gara per il corridoio dei filobus

Dura la replica del Pd: è il più bel regalo che l’assessore Marchi potesse fare ai costruttori

Due linee di filobus che dovevano servire rispettivamente i quartieri di Eur, Tor de’ Cenci , Laurentina e Tor Pagnotta, andando a coprire anche le zone intermedie, andando a creare una rete più che una linea, il fiore all’occhiello del trasporto pubblico del municipio XII di Roma. Ma non si faranno. Lo ha comunicato alle Metropolitane di Roma giovedì scorso l’assessore alla Mobilità del comune di Roma, Sergio Marchi, in quanto «l’attuale amministrazione comunale ha in corso un’ampia riflessione sugli interventi strutturali afferenti la mobilità cittadina», per cui i corridoi Eur-Tor de’ Cenci ed Eur-Laurentina-Tor Pagnotta vedranno la loro fine ancor prima di nascere.

A meno di un contrordine dal Campidoglio. Se lo augura l’ex assessore alla Mobilità, Mauro Calamante che, fin dal lontano 1995, si era occupato egli stesso di portare avanti gli oltre cento tavoli di trattative con i comitati dei residenti, che inizialmente premevano perché fosse realizzata una linea metropolitana: «Il corridoio si deve fare perché è un progetto efficace che ridurrebbe di molto il traffico e soprattutto costerebbe 200 milioni di euro, rispetto ai 900 milioni previsti per la costruzione della metro».

A bassissimo impatto ambientale, oltre a servire gli ospedali Sant’Egidio e Regina Elena, la doppia linea di filobus, avrebbe dovuto collegare i quartieri più periferici come Torrino e Brunori che altrimenti, con la metropolitana, sarebbero stati tagliati fuori. La gara d’appalto era partita lo scorso 28 gennaio ed era in dirittura d’arrivo per la realizzazione dei 38 chilometri complessivi, di cui 25 di corsia preferenziale. Ciò avrebbe comportato l’abbattimento di alcuni pini, che la precedente giunta si era tuttavia impegnata a reipmiantare lungo la Laurentina.

Dure le parole di Andrea Santoro, ex assessore all’Urbanistica del Municipio XII: «La scelta di sospendere la gara per la realizzazione del filobus è il più bel regalo che l’assessore Marchi potesse fare ai costruttori, visto che una parte della quota per la sua realizzazione sarebbe dovuta spettare a chi costruisce».
Bloccata, oltre al filobus, la costruzione di alcuni parcheggi a Trigoria, Cristoforo Colombo e Pontina e il deposito che sarebbe dovuto sorgere a Tor de’ Cenci.

Simone Di Stefano – Pubblicato su L’Unità del 29-06-2008

Annunci

EVENTI|Bella si diverte e ci ragiona su

Entra nel vivo la Festa e L’Unità di Roma, tra le iniziative presentazioni di libri alla libreria Rinascita

Spettacoli musicali, incontri, presentazioni di libri. La Festa de L’Unità entra nel vivo e propone ai visitatori un ricco carnet di appuntamenti culturali. Di notevole interesse gli incontri che si terranno presso lo stand della libreria Rinascita, tutti alle ore 21. Si comincia il prossimo martedì con la presentazione del libro Quando è rivoluzione, di Fulvio Abbate. A seguire: Lady Asl. La casta della Sanità, di Alessio D’Amato e Dario Petti (4 luglio), dove interverrà anche l’onorevole Livia Turco; Condominio occidentale, di Paola Musa (7 luglio); Mio padre mi chiamava luna, di Maria Cristina Valeri (8 luglio); Seydnaya, di Fabrizio Molina (9 luglio); L’isola che non c’è, di Filippo Conticello (11 luglio); Proprio come me, di Francesco Colavito (11 luglio); Controvento, di Donatella Bibi (13 luglio); Nannarella, di Giancarlo Governi (14 luglio).

Tra le altre iniziative al tendone di rinascita, il dibattito, previsto per il 5 luglio, alle ore 21, con l’Associazione del Libero Pensiero “Giordano Bruno”. Presenti, la saggista Maria Mantello e Maria Barbalato di Generoso Procaccino editore. Domenica 6 luglio, ore 21, sarà la volta dei Canzonieri della scuola popolare di musica di Testaccio, con lo spettacolo musicale Era come vivevo da re. Non solo pesentazioni e dibattiti però. Sono diversi infatti gli stand che offrono l’opportunità, di acquistare libri, cd e dvd nuovi e usati, tra cui lo stand de L’Unità, legato al nostro quotidiano. Diversi anche gli stand di associazioni come Amnesty International e Emergency, in difesa dei diritti umani nel mondo.

Simone Di Stefano – Pubblicato su L’Unità del 29-06-2008