• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

ROMA|I bambini eroi della finestra di fronte

Simone Di Stefano – Pubblicato su L’Unità del 22-06-2008

 

Occhi innocenti. Il bambino che andava a passeggio la notte

Bambini protagonisti ieri nella afosa nottata romana. Due storie di fanciulli, due storie a lieto fine. Al quartiere Prati, in via S. Tommaso d’Aquino, due pluri pregiudicati di origine slava sono stati fermati poco dopo aver messo a segno un furto in un primo piano di un palazzo. È successo poco dopo le 23. A notare i ladri sono stati due fratellini del palazzo di fronte. Per una volta, anziché una «sculacciata», la disobbedienza e la curiosità ha regalato loro una giornata da piccoli eroi.

La mamma gli aveva intimato il fatidico «a nanna», ma loro, forse non del tutto paghi di quello che gli aveva riservato la giornata trascorsa, avevano ignorato l’avvertimento del genitore per passare ancora qualche minuto alla finestra della cameretta, al buio, per curiosare su cosa stesse accadendo in strada. Dopo aver notato i due ladri arrampicarsi sul balcone e intrufolarsi nell’appartamento di un’anziana signora che, ignara, sedeva a vedere la tv nella stanza accanto, hanno chiamato tempestivamente la mamma. I due malviventi si erano introdotti nella casa e, «armati» di torcia elettrica, si erano impadroniti di un portagioie e di alcuni oggetti.

Dopo una certa reticenza nell’assecondare le surreali richieste dei piccoli e pur non notando alcun movimento sospetto dei ladri ancora all’interno dell’appartamento, la donna ha comunque chiamato il 113. Gli agenti accorsi sul posto hanno così potuto mettere le manette a Muric S. e Sabanovic Mustafa, Il loro gesto gli è valso un invito ufficiale negli uffici del Sindaco per ricevere personalmente le congratulazioni del primo cittadino capitolino.

Alcune ore dopo, alle cinque del mattino, un’altra storia a lieto fine si è consumata in via Sannio, al quartiere di San Giovanni. Un bambino di tre anni circa, sveglio mentre i genitori erano ancora tra le braccia di Morfeo, confondendo la porta di casa con quella del bagno, si è trovato a passeggio per strada. Una volta sveglia, circa un’ora dopo che il figlio aveva lasciato il suo appartamento, la mamma ha notato la porta aperta e il letto disfatto, senza più il piccolo.

Rapimento o terribile incubo, deve aver pensato la madre. A tranquillizzarla sono stati i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia San Giovanni che, dopo essere stati chiamati telefonicamente dalla madre, le hanno subito comunicato che il piccolo stava bene e si trovava a dormire tra le braccia di un maresciallo. Una donna che si trovava in via Sannio attorno alle ore 5,15, aveva notato un piccolo vestito del solo pigiamino, aggirarsi senza meta e spaesato tra via Sannio e via Metaponto. Poi la telefonata della donna ai militari di zona che sono accorsi sul luogo e hanno prelevato il bimbo. Dopo aver appreso che il bimbo stava bene, la madre si è subito recata al commissariato e ha così riabbracciato suo figlio.

Simone Di Stefano – Pubblicato su L’Unità del 22-06-2008

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: