• i più letti

  • archivio

  • RSS notizie

    • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.
  • fin dove arriva la nostra voce

  • temi

  • Annunci

SOCIALE|Tossicodipendente detenuto a Rebibbia muore a 23 anni

L’astinenza lo aveva portato a inalare una bomboletta di gas. Inutile il disperato intervento delle guardie carcerarie.

Simone Di Stefano – Pubblicato su L’Unità del 31-05-2008

È morto perché aveva bisogno di una dose Maurizio Forma, 23 anni, tossicodipendente, detenuto in una cella al reparto G 11 del carcere romano di Rebibbia. L’ultimo sospiro con la testa immersa in una busta e una bomboletta del gas da campeggio aperta al suo interno, con l’intento di inalare una qualunque sostanza, tale da soddisfare il bisogno irreprimibile generato dall’astinenza. Non sono bastate le urla degli altri detenuti e non è bastato neanche il tempestivo intervento delle guardie penitenziarie, che hanno tentato fino all’ultimo di recuperare la vita del ragazzo, attraverso l’ausilio del defibrillatore. Non c’è stato nulla da fare. A renderlo noto, ieri, il Garante dei Detenuti del Lazio, Angiolo Marroni che ha evidenziato anche il grave problema in cui versano i tossicodipendenti reclusi: «Si continua a morire in carcere in un momento in cui si parla di inasprimento e di certezze delle pene. Non vorrei passasse in secondo piano la funzione di recupero sociale, di quelli che anche se in carcere sono pur sempre cittadini di questa società».

Nel Lazio, su 4714 detenuti, complessivamente sono 1727 i detenuti tossicodipendenti (di cui 94 donne) ai quali vanno aggiunti 160 alcoldipendenti. Si tratta di cifre che si aggirano attorno al 36,6% rispetto alla media nazionale, con il Lazio che compare tra le prime regioni in Italia, assieme a Liguria, Lombardia e Sardegna. A denunciare questi numeri è il Presidente della Consulta Penitenziaria del Comune di Roma, Lillo Di Mauro, che aggiunge: «Non si può immaginare di affrontare il problema dei giovani che fanno uso di sostanze stupefacenti mettendoli in carcere. Anche se democratiche, nel caso di tossicodipendenti, le prigioni sono una limitazione della libertà di giovani che hanno bisogno di cure adeguate, del sostegno delle loro famiglie». Spesso infatti i reati per cui queste persone vengono incarcerate sono legati al reperimento di droga, alla loro tossicodipendenza. «Occorre – prosegue Di Mauro – che i Servizi Sociali del territorio si facciano carico dei tossicodipendenti. Questo non vuol dire certo giustificare i loro reati, ma il tossico deve essere seguito, perché la sua è una malattia che non si può curare con la reclusione». La morte di Maurizio Forma si va ad aggiungere al lungo elenco di precedenti nelle carceri italiane, l’ultimo dei quali lunedì scorso, un palestinese malato di tumore morto al reparto per detenuti dell’ospedale Pertini.

Simone Di Stefano – Pubblicato su L’Unità del 31-05-2008

Annunci

REGIONE LAZIO|Un miliardo di euro per il Lazio agricolo

Venti bandi per il Piano di Sviluppo Rurale: dalle fattorie didattiche e sociali agli agriturismo alla novità degli «agrinido».

Concluso e presentato ieri, dall’Assessore all’Agricoltura della Regione Lazio, Daniela Valentini, il nuovo Piano di Sviluppo Rurale, frutto di un accordo tra la Regione, le Province, i Comuni, le organizzazioni sindacali e il mondo ambientalista. Il Piano prevede 20 bandi che attivano tutte le 32 misure del Psr: «Per la prima volta – precisa Valentini – i bandi escono tutti insieme, dando la possibilità agli agricoltori di entrare in graduatoria, mentre in passato, con i bandi che scadevano, molti agricoltori perdevano i finanziamenti». 655 milioni di investimento pubblico, 333 milioni di investimenti privati e 500 milioni di indotto, per un totale di 1 miliardo e mezzo di euro da elargire nei prossimi 7 anni alle oltre 100 mila aziende che coprono l’80% dell’intero territorio laziale. Oltre allo snellimento dei processi (i bandi sono accessibili già da oggi sul sito www.agricoltura.regione.lazio.it), le priorità della Regione Lazio sono rivolte a una maggiore attenzione verso i giovani e le donne: «Abbiamo dedicato il 12% del totale ai giovani, una novità in Europa. Ora aspettiamo i progetti».

Un occhio particolare all’agricoltura biologica, all’agroalimentare e alle multifunzionalità, per creare fattorie, didattiche e sociali, agrinido e agriturismo. «Verranno inoltre premiate le imprese che rispetteranno i contratti nazionali di lavoro e sono previsti fondi i informazione: «Ci sono ancora troppi incidenti e macchinari obsoleti da rinnovare», sostiene l’Assessore Valentini. Attraverso accordi con le banche verranno agevolati prestiti agli agricoltori vogliosi di vestire in nuovi macchinari. Soddisfatti anche Massimo Pallottini (Arsial), Mario Perilli (commissione Agricoltura della Regione Lazio), assieme a tutti i rappresentanti sindacali, che, rivolgendosi alla Regione e all’Arsial hanno evidenziato l’ importanza del sostegno e dei progetti integrati, per evitare che parti del territorio ne rimangano estranee.

Simone Di Stefano – Pubblicato su L’Unità del 31-05-2008